Editoriale

Sempre più attuale la Rerum Novarum stilata 130 anni fa da Leone XIII. Leoni: “Queste parole erano rivolte agli uomini di fine Ottocento ma fortemente attuali anche per gli uomini del III millennio. E’ già tutto scritto. Non abbiamo bisogno di vecchi o nuovi “garibaldini” come i politici che cianciano alla luna. Basterebbe un po’ di cultura e di umiltà, di onestà intellettuale che rispetti le regole universali del buon senso civico”.

pexels-photo-1112048.jpeg

Photo by Wendy van Zyl on Pexels.com

Il 15 maggio è stato il 130° anniversario dell’enciclica Rerum Novarum.
La Rerum Novarum (Delle cose nuove)  di Papa Pecci, Leone XIII, fu infatti pubblicata nel 1891. Con tale enciclica il Papa ha dato inizio alla dottrina sociale della Chiesa. “Che tu abbia in abbondanza ricchezze ed altri beni terreni o che ne sia privo, ciò all’eterna felicità non importa nulla; ma il buono o cattivo uso di questi beni, questo è ciò che sommamente importa”.  “Queste parole erano rivolte agli uomini di fine Ottocento – dice Giuseppe Leoni-  ma fortemente attuali anche per gli uomini del III millennio”.

Leoni, fermamente appunta quanto  la dottrina sociale della Chiesa abbia anticipato, in tutti i campi, le fondamenta su cui oggi si basano i contratti sociali del lavoro, della famiglia, della solidarietà, la proprietà privata, etc.

Era la prima volta che la Chiesa cattolica prendeva in considerazione le questioni sociali e in particolare quelle operaie. Il mondo del lavoro in primo piano con la questione operaia costituiva infatti l’introduzione e il principale motivo dell’enciclica.

Vi invitiamo a leggere uno dei capolavori di un Papa illuminato che stilò argomentazioni quanto mai attuali e perfettamente condivisibili, non solo dai cattolici ma dalle persone che abbiano voglia di riflessioni alte e profonde allo stesso tempo.

“E’ già tutto scritto – conclude il leader di Federalismo Sì – Non abbiamo bisogno di vecchi o nuovi “garibaldini” come i politici che cianciano alla luna. Basterebbe un po’ di cultura e di umiltà, di onestà intellettuale che rispetti le regole universali del buon senso civico”.

Categorie:Editoriale

Con tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...