Lezioni di Federalismo

Stato e Nazione. Nella lettera al Corriere il cagliaritano Francesco Casula spiega: «Perché noi sardi siamo cittadini italiani di nazionalità sarda». Tutto l’orgoglio di un popolo legato alle proprie radici

Non possiamo che condividere le posizioni di questo cittadino cagliaritano che in una lettera al Corriere ha perfettamente argomentato riguardo alla differenza tra Stato e Nazione e alla sua posizione come sardo, rappresentante di un popolo fiero che non si è mai arreso ai tentativi di smaturare la propria identità. Ecco dunque che Francesco Casula spiega a Aldo Cazzullo: «Perché noi sardi siamo cittadini italiani di nazionalità sarda».

Caro Aldo, in una sua risposta lei scrive di essere amareggiato al pensiero «che esistano altri italiani, nel caso specifico sardi, che vorrebbero abbandonare la patria e lo Stato che i nostri antenati hanno costruito e difeso a prezzo di molto sangue» (Corriere, 20 ottobre). Ma le assicuro che non ha ragione di amareggiarsi. Per il semplice motivo che i sardi sono sardi, non italiani. O forse che prima eravamo spagnoli? E ancor prima catalano-aragonesi? O fenici cartaginesi romani vandali bizantini durante le loro funeste occupazioni e dominazioni? Noi sardi siamo certo cittadini italiani, ma di nazionalità sarda. Ho l’impressione che lei confonda il concetto di Stato con quello di nazione. Ricordo comunque che la Sardegna, storicamente, è entrata (e finanche coattivamente), nell’orbita italica — a parte la breve parentesi pisana e genovese nei secoli XI-XIII — solo nel 1720 quando venne ceduta al Piemonte, per un baratto di guerra, ai Savoia che diventarono re e si dimostrarono in 226 anni di dominio e sgoverno, tiranni ottusi, famelici e sanguinari. Siamo sardi e siamo, da sempre, una nazione: per storia, diversa e dissonante rispetto alla coeva storia italiana ed europea; per lingua (affermatasi quasi 300 anni prima della lingua italiana e per più di 400 anni lingua ufficiale e cancelleresca nei regni giudicali); per cultura e tradizioni. Siamo una nazione senza Stato. Il sentimento nazionale sardo è viepiù largamente presente oggi: alla faccia di chi ha sempre tentato di «dessardizzarci», privandoci della nostra identità nazionale”. Francesco Casula Cagliari https://www.corriere.it/lodicoalcorriere#:~:text=Storia,Francesco%20Casula%20Cagliari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...