news

Incontro con i simpatizzanti savonesi. Giacomo Chiappori, l’ex sindaco di Diano Marina, già parlamentare della Lega Nord, invitato a partecipare alla prossima competizione elettorale di Genova, come alfiere di Federalismo Sì

Un incontro proficuo e molto partecipato quello di Giuseppe Leoni, presidente del nuovo Movimento politico, Federalismo Sì e dei membri del suo direttivo, Gabriella Poli e Pier Luigi Torielli, con i simpatizzanti, domenica 13 marzo a Savona.

A un anno dalla ideazione e successiva fondazione, del “Movimento Federalismo Sì”, il presidente Leoni, ha chiesto all’ex sindaco di Diano Marina ed ex parlamentare della Lega Nord, l’amico Giacomo Chiappori, di partecipare alla prossima competizione elettorale di Genova sotto l’egida di Federalismo Sì.

La richiesta, ancora in fase di valutazione, è avvenuta al termine degli interventi di Leoni, dell’ex parlamentare leghista Guido Bonino e dello stesso Chiappori, sugli argomenti di attualità politica: conflitto in atto tra Ucraina e Russia, che coinvolge la Ue e gli stati membri della Nato; crisi economica italiana ma anche la crisi del pensiero libero ed etico, dell’informazione divenuta esclusivamente propaganda.

A Chiappori si potrebbero aggiungere anche altri nomi molto interessanti, tra gli ex leghisti, che non si riconoscono negli indirizzi sposati dalla Lega attuale, ma restano propugnatori dell’assetto federalista dello stato.

“Siamo fermamente convinti che il federalismo sia il miglior modello politico e socio economico al quale affidarsi per un Paese moderno e rispettoso delle peculiarità dei vari popoli che vi risiedono, garantendo il rispetto della dignità di ognuno e soprattutto della minoranza. Pensiamo che la cosiddetta “democrazia” della maggioranza sia, in buona sostanza, una dittatura”.

Uno dei progetti lanciati dal Movimento riguarda le autostrade liguri – padane, che si trovano in condizioni disastrose e mettono a repentaglio la sicurezza degli utenti e l’economia. Siamo pronti a una raccolta di firme tra i cittadini esasperati dal disservizio che causa pericoli e danneggia l’economia. Chiederemo di azzerare i pedaggi fino al ripristino della viabilità ottimale. Oltre ai cittadini, verranno coinvolti gli autotrasportatori che distribuiscono le merci in arrivo sui porti mercantili della regione, gli imprenditori turistici e le aziende portuali.

Categorie:news

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...